www.comuneescalaplano.info/h7103


Contesto Pagina

Opportunità

Bonus bebè


Cosa è

Si tratta di un sostegno per i neo-genitori assicurato dalla legge di stabilità per l'anno 2015, inizialmente previsto per le famiglie che avrebbero avuto un figlio nato, adottato o in affido preadottivo tra il 1 gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017.

La legge di bilancio 2018 ha prorogato il beneficio fino al 31 dicembre 2018 ma con durata non più di 36 mensilità ma di 12.


Destinatari

La domanda di assegno può essere presentata dal genitore che sia in possesso dei seguenti requisiti:
  • cittadinanza italiana, di uno stato dell'Unione europea o permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o carta di soggiorno per familiare di cittadino dell'Unione europea (italiano o comunitario) non avente la cittadinanza di uno Stato membro o carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro;
  • residenza in Italia;
  • convivenza con il figlio (figlio e genitore richiedente devono essere coabitanti e avere dimora abituale nello stesso comune);
  • ISEE del nucleo familiare del richiedente (o del minore se fa nucleo a sé perché affidato), non superiore a 25.000,00 euro al momento di presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio.

Documenti richiesti

Per poter richiedere l'assegno è necessario presentare una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).

Nel nucleo familiare indicato nella DSU deve essere presente il figlio nato, adottato o in affido preadottivo per il quale si richiede l'assegno.

Visto che la DSU scade il 15 gennaio dell'anno successivo a quello della sua presentazione, ogni anno ne va presentata una nuova.

In caso contrario, il pagamento dell'assegno viene sospeso finché non si presenta una nuova DSU per il rinnovo dell'ISEE.


Modalità di accesso

La domanda deve essere presentata entro 90 giorni dalla nascita o dalla data di ingresso del minore affidato o adottato nel nucleo familiare.

In caso di affido temporaneo, la domanda può essere presentata dall'affidatario entro 90 giorni dall'emanazione del provvedimento del giudice o del provvedimento dei servizi sociali reso esecutivo dal giudice tutelare.

La domanda deve essere presentata all'INPS esclusivamente, in via telematica, nei seguenti modi:
  • sito dell'INPS, servizi per il cittadino, tramite PIN dispositivo;
  • telefono, chiamando il Contact Center Integrato - numero verde 803164 o numero 06164164;
  • patronati, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Precisazioni

La misura dell'assegno dipende dall' ISEE del nucleo familiare:
  • 960,00 euro l'anno (80,00 euro al mese per 12 mesi) con ISEE superiore a 7.000,00 euro annui e non superiore a 25.000,00 euro annui;
  • 1.920,00 euro l'anno (160,00 euro al mese per 12 mesi) con ISEE non superiore a 7.000,00 euro annui.
Il pagamento mensile dell'assegno è effettuato dall'INPS direttamente al richiedente tramite bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN intestati al richiedente.

Il beneficio decade nel caso in cui la famiglia beneficiaria non rientri più nelle soglie dell'ISEE, oppure in una serie di altri casi (decesso, revoca dell'adozione, affidamento esclusivo del minore al genitore che non ha presentato la domanda, affidamento del figlio ad un'altra famiglia, decadenza dalla responsabilità genitoriale, provvedimento negativo del giudice che determina il venir meno dell'affidamento preadottivo).


Per maggiori informazioni:
  • consultare il sito internet dell' INPS.

Scarica le informazioni in PDF


Validatori